VICOLO DEL VISCIONE – da Via di Calzoleria a Via delle Donzelle

Il VICOLO DEL VISCIONE è quello che unisce Via di Calzoleria a Via delle Donzelle passando sul retro del casamento duecentesco dei Guastelloni. Nel secolo XVII, stando al Macchi, nel Vicolo del Viscione c’era un’antica locanda o taverna, che mostrava come insegna il serpente visconteo. Viscione è un termine senese, accrescitivo di biscia (nel tardo latino bistia, invece del classico bestia), che è il nome di un comune serpente d’acqua, abitante di paludi e stagni.
Nell’impresa della famiglia milanese dei Visconti il rettile è rappresentato eretto, ondeggiante e con in bocca un putto. Il toponimo potrebbe dunque risalire al 1399, quando Siena ghibellina, circondata da città guelfe, per darsi un protettore si sottomise spontaneamente a Gian Galeazzo Visconti, che si contentò di un tributo di monete d’oro, sulle quali venne impresso lo stemma di Siena con sopra il biscione visconteo. Alcune di tali rarissime monete sono conservate nei forzieri del Monte dei Paschi. Esse non sono tuttavia la sola memoria storica di quel periodo.

Un’altra singolare testimonianza è nel “Libro dei Censi” del 1400 (Archivio di Stato), che principia con la parola Siena, la cui lettera iniziale è ornata da una miniatura rappresentante il biscione con putto dei Visconti.

Lo stemma visconteo era stato collocato anche nella parte centrale del Palazzo Pubblico (1402) e fu sostituito con il monogramma bernardiniano, tuttora in sede, nel 1425.

Ricerca e testo di Alberto Fiorini